GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
1956-57

Campionato Regionale di Prima Divisione (gir. B) 1956-57

Posizione finale: 1/10 + 6/6

Punti: 28 + 4

 

Partite vinte: 10 + 2

 

Partite pareggiate: 8 + 1

 

Partite perse: 0 + 7

 

Reti fatte: 36 + 10

Reti subite: 10 + 19

 
   
   
   

Il portiere del Giarre La Mela

Presidente: Sebastiano Russo Belfiore
Allenatore: Muscolino-Giano Pattini, Alfonso Chierici, Dandolo Flumini

Tra parentesi (presenze, reti)
Portieri: La Mela (25,-), Chiaramida, Scandurra (1,-)
Difensori: Gullo (20,2), Indelicato (22,-), Muscolino (14,-), D'Urso (23,-), Cacciola (24,-), Calanna (25,4), Fresta (1,-)
Mediani: D'Angelo (22,9), Senzavia (26,4), Pappalardo (23,9), Galeano (3,-), Murolo (2,-), Canfarelli (7,2), Longo (1,-)
Avanti: Cingari (26,6), Turiano (18,8), De Maria (3,-)

1

Fiamma ME-Giarre 0-0 1-3

2

Giarre-Fiamma Paternò 2-2 1-1

3

Carleontina-Giarre 0-0 0-2

4

Giarre-Augusta 1-1 0-0

5

Orlandina-Giarre 1-1 0-2

6

Giarre-Adranita 6-1 1-1

7

Giarre-Lentini 2-1 2-0* per rinuncia

8

Grifone CT-Giarre 1-2 0-5

9

Giarre-San Gregorio 4-0 2-0

Squadra Punti
Giarre 28 Qualificata per il girone finale
Augusta 26 Qualificata per il girone finale
Orlandina 20 (-1)
Fiamma Paternò 19
Carleontina 19
San Gregorio 15
Grifone CT 15
Fiamma ME 14 (-1)
Adranita 12
Lentini 5   (-3)

Risultati Girone finale

1 Giarre-Augusta 1-2 0-1
2 Partinico Audace-Giarre 3-0 1-4
3 Giarre-Floridia 2-1 0-3
4 Pozzallo-Giarre 3-1 2-2
5 Giarre-Folgore Castelvetrano 0-1 0-2* per rinuncia

Classifica

Squadra Punti .
Augusta 13 Promossa in Promozione
Pozzallo 12 .
Partinico Audace 12 .
Folgore Castelvetrano 10 .
Floridia 8 .
Giarre 4  (-1)
Il 1957: l'anno degli invincibili Dandolo Flumini
Giano Pattini  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
Presi La Mela (dall'Adranita e Indelicato dal Catania), il presidente Russo Belfiore lascia invariata tutta la rosa che l'anno precedente aveva ben figurato. Partito in sordina (cinque pareggi consecutivi) il Giarre coglie la prima vittoria il 29 dicembre quando affonda l'Adranita al 6°turno. Due giorni dopo, però, in casa giarrese giunge un'amara sorpresa: l'allenatore Giano Pattini - conclusasi la lunga squalifica che lo aveva tenuto lontano dal Catania - abbandona la squadra per rientrare la base. Ritrovatosi senza guida, il Giarre ingrana la quarta cogliendo quattro incredibili vittorie consecutive che lo proiettano ai vertici della graduatoria assieme al favorito Augusta. Dopo il pareggio colto in casa megarese nella partita decisiva, il presidente Russo Belfiore decide di porre fine all'anarchia tecnica ingaggiando un allenatore serio. Si tratta del reggiano Alfonso Chierici che l'anno precedente aveva guidato l'Adranita. Con il nuovo trainer i giallo-blu riprendono a correre infilando quattro vittorie ed un pareggio che proiettano il Giarre al primo posto nella classifica finale del girone B della Prima Divisione. Concluso il girone senza sconfitte (la rivista Lo Sport Illustrato dedica un articolo agli invincibili), il Giarre si qualifica per il girone finale (vi partecipano le prime due della graduatoria dei tre gironi regionali) dal quale emergeranno le due formazioni ammesse alla Promozione. A Giarre scoppia l'euforia calcistica: si costituisce un comitato "pro finali" che, raccolti tutti i notabili della città, si propone di guidare la squadra al successo sportivo. La prima mossa dell'improvvisano comitato di direttori tecnici? L'incredibile esonero di Chierici - accusato di eccessivo scetticismo nelle possibilità di promozione del Giarre - a due giorni dalla prima partita del girone finale. Vista l'impellenza dell'impegno con l'Augusta, urge trovare un nuovo trainer. La scelta cade sul lombardo Dandolo Flumini che pochi anni prima aveva guidato il Riposto, ma che vanta una gloriosa carriera di calciatore (ha giocato anche in A, affrontando il Milan e la Juventus ed è stato compagno di club di due mostri sacri del calcio italiano come Valentino Mazzola e Fulvio Bernardini). Il nuovo tecnico, ingaggiato dal vice-presidente Rosario Sorbello, collega di lavoro all'Ente per l'Energia Siciliana, ha troppo poco tempo per far assorbire alla squadra le sue idee calcistiche ed i risultati sul campo sono a dir poco disastrosi. Il 14 Aprile arriva la prima sconfitta con l'Augusta, e per di più in casa: la rete di Senzavia non basta per rimediare alla doppietta di Zavatta. Alla seconda, il Giarre viene travolto 3-0 a Partinico. La sofferta vittoria sul Floridia, vincitrice del girone C, riaccende le speranze che, però, si affievoliscono subito dopo una triplice debacle (Pozzallo, Castelvetrano in casa e Augusta). Il Giarre, definitivamente tagliato fuori dai giochi promozione supera con orgoglio il Partinico per 4-1, perde a Floridia e pareggia col Pozzallo. La conclusione del torneo è mesta, con il Giarre che decide di non onorare sino alla fine il campionato rinunciando alla lunga trasferta di Castelvetrano. Penalizzato di un punto, l'11 di Flumini chiude la classifica all'ultimo posto con 4 punti. La promozione va all'Augusta che nel girone regolare era giunto alle spalle del Giarre. Il 7 febbraio, intanto, il Venezia aveva disputato un amichevole col Giarre al Comunale (5-1), mentre il 2 gennaio il Monza aveva svolto i propri allenamenti sul campo giarrese in vista del match di campionato con il Catania.
 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati