GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
1962-63

Campionato di Promozione Regionale (gir. B) 1962-63

Posizione finale: 9/16

Punti: 25

 

Partite vinte: 7

 

Partite pareggiate: 11

 

Partite perse: 10

 

Reti fatte: 31

Reti subite: 32

 
   
   
   

L'allenatore Dandolo Flumini

Il Giarre intanto si conferma la solita squadra rivelazione delle prime giornate, proprio come l'anno scorso. Ma c'è da augurarsi che potrà durare più a lungo. Per adesso ha raggiunto in testa i giallo-rossi della Massiminiana che per l'indisponibilità del terreno augustano si son visti rinviare la partita a data da destinarsi. Se il Giarre si può considerare solo capolista provvisorio è chiaro comunque che il secondo posto è saldamente nelle sue mani e che pertanto la squadra di Flumini ha rispettato in pieno i suoi programmi. Contro l'Avola ancora una volta un anziano (dopo le reti di Martino) ha risolto l'incontro. É stato infatti Coco ad assicurare il successo ai giarresi facendo saltare il dispositivo della difesa ospite. L'Avola ha dato filo da torcere ai giarresi con i suoi ragazzi, ma alla distanza, la maggior consistenza dei locali doveva logicamente prevalere. Ed il Giarre in tema di consistenza sembra quest'anno più robusto dell'anno scorso e quindi in grado di poter andare meglio.

Dino Zanghì, La Sicilia, 30/10/1962

Presidente: Martino Fiorini Francica-Nava
Allenatore: Dandolo Flumini

Tra parentesi (presenze, reti)
Portieri: Saccà (18,-), Chiaramida (9,-), Musumeci (1,-)
Difensori: Bonasera (28,-), Mangiagli (9,-), Molino (16,2), Muscolino (9,-), Vitale (27,-)
Mediani: Longo (27,1), Galeano (18,-), Maniscalco (1,-), Sorbello (1,-), Parisi (24,-), Coco (17,3), De Maria (21,-), Militello (11,2), Geremia (6,-)
Avanti: Cannata (24,7), Ilardo (18,11), Di Maria (11,1), Martino (9,3)

1

Vizzini-Giarre 2-2 2-4

2

Giarre-Odeon Siracusa 1-1 0-1

3

Ispica-Giarre 0-2 0-4

4

Giarre-Avola 1-0 1-1

5

Vittoria-Giarre 2-1 1-1

6

Saponara-Giarre ND ND

7

Giarre-Floridia 1-1 0-1

8

Ragusa-Giarre 2-0 1-1

9

Giarre-Lipari 2-0 0-1

10

Giarre-Sincat SR 2-1 0-0

11

Massiminiana-Giarre 4-0 2-0

12

Giarre-Megara Augusta 1-1 1-1

13

Provinciale ME-Giarre 1-0 0-2

14

Giarre-Leonzio 1-1 0-1

15

Canicattini-Giarre 3-2 1-1

Massiminiana Catania 48
Ragusa 41
Leonzio 39
Odeon Siracusa 37
Vittoria 33
Provinciale Messina 28 (-1)
Lipari 27
Megara Augusta 26
Giarre 25
Floridia 25
Vizzini 23
Canicattini 23
Sincat Siracusa 22
Avola 20
Ispica 2 retrocesso in Prima Divisione
Saponara esclusa retrocesso in Prima Divisione
Dandolo Flumini  


 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 

Il Giarre, per la settima stagione guidato da Dandolo Flumini, disputa un campionato mediocre, il punteggio del 61-62 rimane sostanzialmente immutato (25 punti contro i 28 dell'anno precedente), ma peggiora la posizione finale: nono posto anziché sesto. Il torneo, caratterizzato dal duello tra la Massiminiana ed il Ragusa, non regala soddisfazioni particolari ai giallo-blu che chiudono con ben 23 punti di distacco dalla capolista. L'unico sussulto l'undici giarrese lo vive all'inizio del torneo: al quarto turno, dopo la vittoria sull'Avola, si porta in testa con la Massiminiana, ma proprio il duro confronto con i giallo-rossi catanesi ridimensiona le ambizioni del Giarre. Il prosieguo del campionato viene disputato senza patemi perché, crollato subito l'Ispica dell'ex centravanti Lo Turco, la seconda retrocessione è decisa a tavolino per l'esclusione dei messinesi del Saponara. Il bottino finale degli uomini di Flumini è di sette vittorie, undici pareggi e dieci sconfitte. In casa si perde una volta soltanto contro la Massiminiana (6 vittorie e 7 pari), in trasferta invece il ruolino dei giallo-blu è piuttosto amaro: una vittoria contro la derelitta Ispica (tripletta di Ilardo, rete di Cannata), quattro pari e ben nove sconfitte. Trentuno le reti segnate contro le 32 subite. Da ricordare il sofferto pari colto contro l'Augusta al 12°turno (il Megara aveva segnato dopo soli 60 secondi, Martino pareggia al 26') e la rete messa a segno dall'ala Cannata con una memorabile rovesciata contro il Canicattini al 30° turno). A fine stagione, inevitabile, giunge a mezzo stampa lo sfogo di mister Flumini: "Occorrono sei o sette giocatori nuovi, altrimenti la mia collaborazione con il Giarre calcio si chiude qui". La società, ben lungi dalle possibilità economiche del commendator Taormina, patron della Folgore, che, con l'iperbolica somma di 20 milioni di lire, ha costruito una squadra capace di dominare lungamente l'altro girone della Promozione, avvierà nelle stagioni successive una piccola rivoluzione dei quadri che, verso la fine del decennio, regalerà al Giarre i migliori piazzamenti in Promozione. Al termine della stagione la Giarre calcistica può festeggiare una importante affermazione della squadra giovanile che si impone (1-0, rete di Granata) sull'Errante di Milazzo nella finale della Lega giovanile, mettendo in mostra, peraltro, una lunga serie di ottime promesse che, negli anni a venire vestiranno la casacca giallo-blu. Tra questi, oltre a Granata, il portiere Musumeci, il mediano Mangiagli (che giocherà anche per l'Acireale ed al Cosenza, in Serie C) ed il terzino Raciti.

 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati