GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
2014-15

Campionato di Eccellenza  (gir. B) 2014-15

Posizione finale: 9/15

 

Punti: 36

 

Partite vinte: 10

 

Partite pareggiate: 6

 

Partite perse: 12

 

Reti fatte: 44

Reti subite: 41

 
   
   
   

 

Umiliante disfatta dell'Acireale che a Giarre subisce una delle più pesanti sconfitte della sua storia calcistica. Un 7-1 che la dice lunga su che tipo di partita abbiamo assistito: un monologo dei gialloblù di Carlo Breve, in giornata stratosferica. Basti pensare che dopo appena 30' il Giarre aveva già asfaltato la squadra granata, totalmente in bambola. (...) In campo, però, c'è stata soltanto una squadra, quella gialloblù di casa, costretta a giocare le proprie partite casalinghe in uno stadio desolatamente vuoto, con una tribuna centrale simile a delle macerie, senza che nessuno si vergogni per lo stato di un impianto che ha ospitato derby che fanno parte della storia del calcio siciliano. Ma è inutile storcere il naso, sono questi i tempi degli amministratori di oggi. Il Giarre parte sparato, dimostra di essere fisicamente e anche psicologicamente di un altro pianeta rispetto ai granata che arrivano sul pallone sempre secondi. (...) Dopo appena 4' il primo gol del Giarre: indecisione di Cocuzza e gol di Tomassini che un minuto dopo raddoppia: fallo su Aleo, batte Patanè e Tomassini di testa insacca. L'Acireale è inesistente e il Giarre dilaga. Al 9' Patti allunga per Aleo, che in diagonale trafigge il giovane Romano. (...) Al 23' Tomassini batte il primo calcio d'angolo del match sul quale si avventa il difensore centrale Mastronardi che con un gran piatto al volo mette alle spalle del portiere ospite. E sono già 4. Alla mezz'ora arriva la cinquina: Amore sbaglia il rinvio e Leotta da due passi insacca con una sventola.

Franco Anastasi, La Sicilia, 23/03/2015

Presidente: Maurizio Di Martino
DS: Pasquale Sanseverino
Allenatore: Maurizio Romeo, Carlo Breve
 

Tra parentesi (presenze, reti)
Portieri: Nicotra (16,-), Strano (5,-), Scordino (8,-)
Difensori: Di Mauro (22,-), Villani (24,1) Patanè (25,1), Mastronardi (13,1), Famà (7,-), Cordima (24,2), Flori (2,-), Cartellone (9,-), De Clò (3,-), Timpano (3,-), Licciardello (1,-), Siliato (5,-), Pappalardo (4,-), Monteforte (13,1), Di Benedetto (1,-)
Centrocampisti: Sottile (13,3), Mirenna (10,-), Patti R. (25,2), Garrasi (2,-), Benedettino (13,-), Napoli (12,-), Galiano (3,-),Nirelli (21,2), La Spina (7,-),  Compagno (6,1)
Attaccanti: Aleo D. (27,17), Tenerelli (11,2), Leotta (23,6), Contarino (8,-), Tomassini (9,5), Bileggi (5,-), Russo A. (3,-)

1

Viagrande-Giarre 1-2 1-3

2

Giarre-Taormina 1-1 1-0

3

Vittoria-Giarre 3-2 0-1

4

Giarre-Catselbuonese 0-1 1-2

5

Città di Messina-Giarre 1-1 1-1

6

Giarre-Igea Virtus 1-0 0-3

7

Siracusa-Giarre 2-0 3-1

8

Giarre-San Pio X CT 2-2 4-1

9

Scordia-Giarre 1-0 1-1

10

Giarre-Paternò 4-1 0-1

11

Modica-Giarre 3-1 1-2

12

Giarre-Misterbianco ND ND

13

Acireale-Giarre 2-0 1-7

14

Giarre-Milazzo 1-2 1-1

15

Rosolini-Giarre 2-1 2-5

Squadra

Punti

.

Siracusa

62

Promosso in Serie D

Scordia

61

.

Igea Virtus

48

.

Milazzo

45

.

Acireale

44

.

Castelbuonese

43

.

Viagrande

41

.

San Pio X CT

38

.

Giarre

36

.

Paternò

34 (-1)

.

Città di Messina

30

.

Modica

28

.

Vittoria

27

Retrocesso

Rosolini

23 (-2)

Retrocesso

Taormina

10

Retrocesso

Misterbianco

escl.

.

sedicesimi Taormina-Giarre 2-5 0-1
ottavi Giarre-San Pio X 2-1 2-3
quarti Giarre-Siracusa 2-0 2-3
semifinali Giarre-Milazzo 2-0 2-2
finale (Mascalucia) Marsala-Giarre 2-1


 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
Lo stadio Regionale, che da anni perdeva pezzi, diventa totalmente inagibile e così il Giarre disputa un intero campionato a porte chiuse. La stagione inizia con la conferma di Maurizio Romeo e dei tanti protagonisti della promozione in Eccellenza. Gli unici volti nuovi sono il centrale Cordima (dal Città di Messina), il centrocampista Benedettino, la punta Tenerelli ed il fantasista romeno Dumitrascu (dal Fiumefreddo). Ma dopo il favorevole esordio in Coppa Italia e la vittoria di Viagrande, il Giarre rallenta la marcia inanellando una serie di risultati negativi, nonostante disputi delle buone partite. Al 6°turno i ragazzi di Romeo colgono un brillante successo sulla capolista Igea Virtus grazie ad un goal da cineteca siglato da Maurizio Sottile, ma il Giarre conclude il girone d'andata nei bassifondi della classifica soprattutto a causa delle quattro sconfitte consecutive giunte tra l'11° ed il 15°turno. A Dicembre il D.S. Sanseverino, vecchia gloria della Serie C, rinnova quasi tutta la rosa: lasciano Tenerelli, Garrasi, Benedettino e la mezz'ala Sottile che smette la maglia giallo-blu dopo 3 stagioni e 27 reti. I volti nuovi sono quelli di Mastronardi (Taormina), Monteforte, Strano (Misterbianco), Napoli (Siracusa) e del giovane centravanti romano Alberto Tomassini (dall'Orlandina, Serie D) che accresce il peso offensivo dei giarresi. Gli altri acquisti apportano un quid di esperienza nella categoria che ancora mancava al Giarre: Mirenna (Paternò), Scordino (Orlandina), Compagno (Hinterreggio, D). Anche grazie all'esplosione del giovane Leotta, il Giarre cambia marcia: il girone di ritorno si apre con tre successi consecutivi, ma poi la sconfitta di Castelbuno, il pareggio contro i rivali del Città di Messina e, soprattutto, la disfatta di Barcellona maturano nel presidente Di Martino l'idea di esonerare Romeo e tutto lo staff tecnico. Alla guida della squadra viene chiamato Carlo Breve, artefice dell'ultima promozione di Serie D dieci anni prima. Intanto il Giarre, giunto sino alla finale della fase regionale della Coppa Italia, viene sconfitto dal Marsala, vera corrazzata del girone A. Dopo la dura sconfitta contro il Siracusa, il Giarre risorge a Catania (4-1 alla San Pio X) e pareggia in casa contro il forte Scordia che guida la classifica sino all'ultima giornata: segna Tomassini, poi Scordino para un rigore, ma solo nel finale lo Scordia riesce ad agguantare il pareggio. Dopo la sconfitta contro il Paternò che rivaleggia col Giarre per evitare i play-out, i ragazzi di Breve non sbagliano più un colpo. Aleo guida il Giarre contro il Modica, mentre l'Acireale viene travolto di reti in uno storico derby. Infine il pari colto al Grotta di Polifemo contro il Milazzo (segna Tomassini) regala la matematica salvezza. L'ultima giornata è una festa: la doppietta nella cinquina colta contro il Rosolini regala la vetta della classifica dei marcatori a Daniel Aleo che in quattro stagioni col Giarre ha segnato 58 reti.
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati