GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 

Leggende giallo-blu

Giarre-Internazionale

L'8 giugno del 1988 è una delle date più importanti della storia della Giarre calcistica.

Il Giarre è reduce da un ulteriore salto di categoria. L'ascesa iniziata cinque anni prima sembra inarrestabile: dalla prima categoria si è giunti sino ad una terza serie calcistica fino a qualche anno prima sognata solo sugli album delle figurine.

La partita dell'8 giugno non rappresenta solo una festosa amichevole con un avversario di prestigio, ma il superamento di una linea di confine. Per la prima volta i giallo-blù abbandonano i polverosi campetti di periferia: seguiranno sei anni di battaglie, di trasferte prestigiose, di cronache dall'anticamera della cadetteria che rappresenterebbe il paradiso calcistico per una intera città.

Fino ad allora l'avversario più quotato incontrato in campionato è stato il Palermo che a causa di poco chiare vicende finanziarie è stato costretto a ripartire dalla C2. Gli altri avversari il cui nome si è fatto sentire nelle serie superiori sono stati quelli del Siracusa, della Cavese, del Sorrento. Ma dopo quell'8 giugno tutto sarà diverso: il Giarre sarà chiamato ad affrontare squadre che portano nomi prestigiosi come quelli di Catania, Perugia, Salernitana, Cagliari, Foggia, Ternana.

E pensare che fino a cinque anni prima gli avversari che avevano una storia calcistica alle spalle si chiamavano tutt'al più Megara.

L'Inter, che ha concluso al quinto posto il campionato di massima serie, scende al comunale schierando una formazione di tutto rispetto. Alcuni titolari sono già in vacanza, ma sono della partita calciatori del calibro di Fanna (14 presenze in nazionale e 5 scudetti in Italia), Passarella (campione del mondo nel '78: è lui che per primo ha alzato la Coppa in quanto capitano), Serena (24 presenze e 5 reti in nazionale, 4 scudetti e un titolo di capocannoniere), Baresi (fratello maggiore del capitano del Milan, 18 presenze in nazionale), Matteoli.

Il prestigio di questi uomini si vedrà l'anno successivo, quando, guidata da Trapattoni e con l'innesto di tre fenomenali tedeschi, questa squadra si trasformerà nell'Inter dei record.

Sul campo l'Inter parte forte, e già al 9' si trova in vantaggio grazie ad una rete di Minaudo. Il Giarre, che nel corso del campionato ha affrontato tante difficili prove, non può scoraggiarsi ed 11' dopo arriva la rete del pareggio firmata dal bomber Marcello Prima. Il pareggio è un gran risultato, ma nella ripresa  l'ingresso di un giovanissimo (ha 17 anni) Ciccio Macrì cambia gli assetti delle due compagini e sconvolge la partita. Il Giarre inizia a premere ed al 34' lo stesso Macrì viene atterrato in area. Il rigore è trasformato da Spica. L'incontro si chiude con la terza rete firmata negli ultimi minuti dallo stesso Macrì. Inutile dire che è il trionfo per un calciatore, per una squadra, per una città.

 

 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
 
 
 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati