GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
Leggende Giallo-blu

Stagione 70-71:"Per il Giarre torneo da dimenticare"

La Sicilia 13-06-1971

Finito il campionato di Promozione, è doveroso fare un consuntivo sull'attività del Giarre, che proprio nell'ultima giornata è riuscito a salvarsi per il rotto della cuffia. E dire che il Giarre doveva essere, come ebbe a dirci l'allora commissario straordinario Trovato, tra le squadre migliori del campionato, cioè senza mezzi termini doveva essere una squadra da primato. Invece del primato i ragazzi giarresi alla fine hanno dovuto lottare per la salvezza. E come al solito, come in caso di gravi malattie si ricorre ad illustri clinici, si è dovuto chiamare alla guida tecnica del Giarre l'ottimo allenatore Dandolo Flumini, che è riuscito a fare ancora una vola il "miracolo" riuscendo a fare salvare il Giarre evitando così l'onta della retrocessione.

Flumini è riuscito nell'impresa e gli sportivi giarresi gli sono grati, ma non altrettanto lo è quel gruppetto di pseudo-sportivi che nel passato non ha condiviso la conduzione tecnica del bravo dott. Flumini e che quindi invece di lodarlo per essere uscito nell'operazione salvezza, lo critica cercando di metterlo in cattiva luce con argomentazioni bambinesche e, a dire il vero, poco opportune. Basta una volta per tutte ribadire che durante la gestione tecnica Flumini e cioè in 14 partite il Giarre ha racimolato 17 punti conquistando 5 vittorie 7 pareggi e subendo due sole sconfitte, precisamente contro il Milazzo e contro la Nuova Igea. Mentre gli altri due tecnici che precedentemente erano stati chiamati alla guida del Giarre, complessivamente erano riusciti, in 16 partite, a conquistare solo 9 punti con una sola vittoria, 4 sconfitte in casa ed altrettante fuori casa e 7 pareggi di cui 3 in casa. Quindi parlare male della conduzione tecnica di Flumini a nostro avviso è sinonimo di cocciutaggine non comune e di ignoranza pressoché assoluta delle cose del calcio. Certi "Soloni" farebbero bene, quanto meno, stare zitti...

Chiarita quindi la determinazione di Flumini nell'operazione salvezza del Giarre, è bene ora parlare del futuro. Come è noto, per il sodalizio sportivo giarrese questo è stato un anno di crisi. Dalla gestione commissariale di Trovato si passò a furor di popolo alla ordinaria amministrazione eleggendo il rag. Rosario Sorbello presidente di un regolare consiglio di amministrazione. Ma in seguito Sorbello, subentrando nel consiglio comunale al decaduto dott. Salvo Scandurra ed optando, pertanto, per la carica di consigliere comunale si dimise da presidente ed il rag. Sgroi da Puntalazzo (una frazione del comune di Mascali) venne nominato reggente del Giarre. Lo statuto a proposito di situazioni provvisorie e reggenze è abbastanza chiaro: entro 3 mesi dalla nomina di un reggente si deve provvedere ad eleggere il nuovo presidente. A ciò aggiungiamo che si deve provvedere anche alla elezione di un nuovo consigliere, essendosi Sorbello dimesso anche da tale carica in seno al consiglio di amministrazione. Sino ad ora niente è stato fatto e gli sportivi attendono la convocazione dell'assemblea dei soci per provvedere alla elezione del sostituto di Sorbello e per evitare che il reggente resti reggente a vita!

Scherzi a parte è necessario che i dirigenti giarresi si mettano subito in movimento per evitare che il prossimo sia una campionato "bis" per la compagine giarrese. É vergognoso che una città come Giarre, che potrebbe benissimo avere una squadra, come altri centri più piccoli, in serie D, deve invece lottare nel campionato di Promozione per evitare la retrocessione. É necessario che l'assemblea generale dei soci venga convocata non a campionato iniziato o quasi e cioè quando ormai è impossibile portare rimedio ai guai creati da dirigenti poco esperti, ma subito in modo che possa stabilirsi un programma per l'attività futura. Non diciamo che il programma per il futuro del Giarre debba essere velleitario, ma che almeno si programmi da poter dare alla squadra una posizione tranquilla in classifica, lo riteniamo quanto meno onesto! E quindi non vi è altro tempo da perdere.

Pietro Barbagallo Coco

 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
 
 
 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati