GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
Leggende Giallo-blu

Stagione 71-72:"Il Giarre s'è abbonato alla salvezza in extremis"

La Sicilia 18-06-1972

A chiusura del campionato di Promozione, il Giarre, come avvenne anche nello scorso campionato è riuscito a salvarsi nelle ultime giornate del torneo. Ormai gli sportivi giarresi, probabilmente molti dei quali saranno già divenuti cardiopatici, ogni anno nel girone d'andata sono abituati a vedere la loro squadra negli ultimi posti della classifica o addirittura come fanalino di coda, mentre nel girone di ritorno con alterne vicende si verifica la rimonta, che puntualmente porta la squadra alla salvezza nelle ultime giornate del campionato, evitando così l'onta della retrocessione.

Quindi anche se da un determinato punto di vista si può esser contenti per avere evitato la retrocessione, dall'altra parte ci è doveroso sin da ora pressare i dirigenti del sodalizio sportivo della nostra città affinché in tempo utile si pensi al futuro. Lo stesso discorso ricordiamo di aver fatto lo scorso anno ed il presidente prof. Nino Sgroi anche allora ci parlò di rinforzi e di squadra da prime posizioni in classifica. Poi la solita storia degli allenatori o pseudo tali, i quali si sono alternati alla guida tecnica del Giarre (quest'anno ci sembra che siano stati soltanto tre!) e così la compagine locale nelle prime giornate del campionato ha fatto figuracce a tutti ben note e che per amor di patria evitiamo di ricordare oggi nei particolari. Nel girone di ritorno andò via la maggior parte dei giocatori componenti la rosa dei titolari. Furono, così, promossi in prima squadra numerosi ragazzini del vivaio locale, ragazzini che si sono poi distinti riscuotendo ovunque elogi e riuscendo, questo è quel che conta, a portare in salvo il Giarre.

Indubbiamente Sgroi che si trova nel "giro" del calcio da non più di un paio di anni, dopo i grossolano errori commessi all'inizio della sua gestione (errori dovuti, sia ben chiaro, ad inesperienza di cose di calcio), ha avuto il merito di aver mandato a casa tutti quei "santoni" della prima squadra, che solo per "fumo" potevano benissimo partecipare ad un eventuale concorso per "aiuto padre-eterno". Comunque sia, il Giarre si è salvato e di ciò va dato merito al bravo Matteo Simeon, all'altro "anziano" li Pira e poi a tutti quei giovanissimi venuti alla ribalta della prima squadra e che battendosi cin molta e non comune volontà sono riusciti a fare il "miracolo" della salvezza.

Oltre la salvezza sono venuti fuori pure alcuni nomi nuovi, nomi di giovanissimi che certamente continueranno nella loro carriere di calciatori; si tratta dei vari Palazzolo, Rapisarda, Leonardi, Emanuele, Contarino, Mangiagli II, Sorbello ecc. Quindi se può sembrare prematuro, crediamo invece che sia già il momento di pensare al futuro della squadra. É necessario pure che Sgroi ed i suoi collaboratori si mettano subito a lavoro per dare alla squadra locale un'ottima intelaiatura e che incomincino sin d'ora a cercare nel mercato qualche necessario rinforzo. É necessario pure che sin da ora si stabilisca il periodo di preparazione pre-campionato in modo che i giocatori possano arrivare all'inizio del torneo ben rodati e con una squadra amalgamata e non con la solita frotta di undici giocatori allo sbaraglio che giunti in campo pensano solo a dare pedate al pallone senza costruire la benché minima azione di gioco. Sono queste, a nostro avviso, le cose necessarie a cui bisogna provvedere al più presto possibile e siamo certi che Sgroi, il quale col passare del tempo acquista sempre più esperienza, non tarderà a fare vedere qualcosa di positivo. Vedremo.

Pietro Barbagallo Coco

 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
 
 
 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati