GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
 

Due partite in un giorno solo

L’estate del 93 è rovente, non solo per il caldo, ma anche per le vicende legali e finanziarie che sconvolgono la geografia del calcio. In Sicilia, Catania e Messina vengono cancellate dalla terza serie. Si scatenano, così, i processi proprio a ridosso dell’avvio della nuova stagione. Accade, in quell’anno, un fatto nuovo: la giustizia ordinaria da ragione al Catania che deve essere riammesso in C1. Il tribunale amministrativo emana anche un nuovo calendario del girone, quando ormai il torneo è già iniziato. Alla quarta giornata è proprio il Giarre che deve affrontare il Catania al Cibali secondo il nuovo calendario, ma quello diramato dalla lega dice che bisogna giocare ad Avellino. Che fare? Rispettare le leggi o dare una mano agli amici rosso-azzurri che in fretta e furia hanno allestito una squadra? Seguire le leggi del calcio o quelle della giustizia ordinaria? La curiosità attorno alla decisione della compagine giarrese è tanta che addirittura una troupe del TG1 segue i giallo-blu e li attende all’aeroporto di Napoli. La sera un servizio nell’edizione di prime time fornisce il resoconto dell’incontro che, per la cronaca, finisce zero a zero, con due legni per parte. Un’altra telecamera attende alle ore 15 l’inizio della partita al Cibali dove uno stadio gremito inneggia al presidente Massimino, ma il Giarre non arriva e si improvvisa un’amichevole con dei calciatori racimolati un po’ dappertutto…

 

Dal Corriere dello Sport (di Alessandro Mita)

Il Catania riammesso in C1

Domenica affronterà in casa il Giarre, l'Avellino riposerà. Oggi sarà pubblicato tutto il resto del nuovo programma a 19 squadre. Scortati da un funzionario della Digos, i due "inviati" hanno lavorato per molte ore e poi hanno firmato il comunicato.

FIRENZE - Ore 17,30. Nelle mani dei cronisti viene consegnato un comunicato storico. C'è l'intestazione della Lega Professionisti serie C, in calce le firme di un consigliere del Tar siciliano (Giuseppe Caruso), di un funzionario dell'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Firenze (Giuseppe Albezio) e della segretaria della Lega (Marinella Conigliaro). Firme siglate sotto il controllo di un esponente della Questura fiorentina (Antonio Trapani). Nel comunicato si legge che il Catania è ammesso al Girone B della C1 e di seguito viene riportato il programma della giornata di campionato di domenica prossima. Non più Avellino-Giarre, bensì Catania-Giarre, con gli irpini costretti al riposo. Il resto del calendario verrà comunicato oggi.

Si è conclusa così una delle giornate più lunghe della Lega di serie C. Il blitz dei "commissari ad acta" nominati dal Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, la presenza (fatto Storico) della Forza Pubblica in una sede calcistica, le ore di febbrile attività (mentre a Roma si svolgeva un vertice di Coni e Figc), la compilazione del nuovo calendario, quindi il comunicato finale. Il quale recita, nella parte conclusiva: "I commissari ad acta dott. Giuseppe Caruso e Avv. Giuseppe Albenzio deliberano di ammettere il Club Calcio Catania S.p.A. al campionato di calcio di serie C1, girone B, per la stagione 93-94; a modifica di quanto comunicato nel comunicato ufficiale n.28 del 24 agosto1993 della Lega Professionisti di serie C, di determinare la giornata del campionato Serie C1, girone B, del 3 ottobre 1993, ore 15, nei termini che seguono: Barletta-Potenza, Catania-Giarre, Chieti-Leonzio, Ischia-Sambenedettese, Juve Stabia-Lodigiani, Matera-Siena, Perugia-Casarano, Reggina-Salernitana, Siracusa-Nola. Riposa: Avellino. Si riservano di completare con successivo provvedimento la rielaborazione del calendario, ferma restando l'omologazione dei risultati delle partite già giocate nelle prime tre giornate di campionato secondo l'originario calendario. Il presente provvedimento dovrà essere comunicato a cura del Segretario della Lega con i più celeri mezzi di telecomunicazione a tutte le società calcistiche partecipanti al predetto girone B e all'Aia, ai fini della conseguente designazione della terna arbitrale per la partita Catania-Giarre". Perché Catania-Giarre? La spiegazione è di carattere logistico: Giarre dista poche decine di chilometri da Catania, è una trasferta agevole.

 

 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
 
 
 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati