GiarreStory

GiarreStory è un sito aggiornato non periodicamente

 

 
 
 

 
 

Adriano Lombardi ricorda l'esperienza giallo-blu


Intervista rilasciata a Repubblica 14/02/2003

Le città che da allenatore ricordo con più piacere sono Giarre, dove andavo sempre a pescare e Trieste dove in certi bar i vecchi andavano a giocare a dama e a parlare di letteratura. E io stavo lì ad ascoltare. Ma adesso non ho più tempo".

Lei ha smesso di giocare nell'83. Quasi vent'anni fa.
"Sì a 38 anni, dopo 18 campionati, l'ultimo a Como, ho fatto anche una stagione in Svizzera, un ambiente tranquillo, pagano bene, ma non è calcio. E poi sono razzisti, se non parlavi in tedesco i giornalisti non ti stavano a sentire, anzi per protesta abbandonavano la sala-stampa. Io ho cominciato presto a giocare a calcio, sono nato a Ponsacco, in provincia di Pisa, nel '45, facevo i sacrifici per andare ad allenarmi a Pontedera, 60 chilometri tra bici e corriera, a 19 anni arrivai nel settore giovanile della Fiorentina, niente prima squadra, c'era Chiappella come allenatore e in campo gente più brava di me, Chiarugi, De Sisti, Merlo. Così cominciai a girare l'Italia: a Cesena in C, a Empoli, a Lecco, a Como, a Rovereto, a Piacenza, a Perugia, ad Avellino giocavo con Roggi, con Montesi, che sul calcio diceva delle cose terribili ma vere, e che in campo dava l'anima, con Galasso che era di Lotta Continua. Come allenatori ho avuto Bersellini, Marchioro, Marchesi. In serie A ho segnato tre gol, a Tancredi, Piotti e Bordon. Ero soprattutto un organizzatore di gioco. Ma sono diventato famoso perché nella partita Milan-Avellino, nel 1978, avevo dimenticato i documenti, e l'arbitro Mattei fu inflessibile. Disse che non mi conosceva e mi fece accomodare in tribuna. Il giorno dopo alcuni giornali riportarono le foto di tutte le volte in cui Mattei mi aveva arbitrato".

 

 

 

 
Sezioni
 Scrivi a GiarreStory
 
 
 
 
 
 
 
 

E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto del sito senza autorizzazione scritta degli autori

   
(c) GiarreStory Tutti i diritti riservati